Condividi Articolo

Uno dei problemi più comuni legati alla vostra salute orale è il sanguinamento delle gengive. Capita molto spesso infatti che durante la giornata, soprattutto durante il lavaggio dei denti, le nostre gengive sanguinano. Questo problema, molto spesso sottovalutato, è invece molto importante in quanto le gengive costituiscono una componente fondamentale della nostra salute orale. Di seguito ecco i cinque motivi principali per cui avviene questo fastidioso fenomeno:

1)Scarsa igiene orale:  Il sanguinamento delle gengive può essere innanzitutto causato da una scarsa igiene orale. La placca che si accumula infatti può dare origine ad infezioni che indeboliscono le gengive causando così le emorragie.

2)Gengivite:  è un’infiammazione del tessuto gengivale provocata dagli effetti a lungo termine di placca e tartaro.  Se questa malattia viene trascurata può diventare un problema davvero serio.Attraverso una pulizia quotidiana dei denti è possibile rimuovere la placca, mentre per il tartaro c’è bisogno di attrezzature adeguate in grado di rimuovere i depositi batterici che ne sono la causa, quindi è necessario fare una visita dal dentista.

3)Gravidanza o cambiamenti ormonali: Durante la gravidanza le gengive diventano più sensibili. Si tratta della cosiddetta gengivite da gravidanza, ed è causata da fluttuazioni dei livelli ormonali che aumentano il flusso di sangue nelle gengive e in altri tessuti. Inoltre, gli ormoni della gravidanza possono influenzare la normale risposta dell’organismo ai batteri, rendendo la donna più suscettibile a infezioni parodontali.In caso di gengivite da gravidanza è sempre meglio consultare il proprio dentista per una pulizia approfondita, e ovviamente anche il proprio ginecologo. Usare uno spazzolino morbido per pulire i denti almeno due volte al giorno, e il filo interdentale almeno una volta al giorno. Questo non risolverà completamente il problema ma sarà comunque di grande aiuto.

4)Malattia Parodontale: La malattia parodontale si verifica quando c’è un accumulo di placca batterica che causa la gengivite e, nei casi più gravi, la periodontite. Mentre la gengivite è limitata alle gengive, la periodontite, o parodontitesi, si diffonde nel tessuto e nelle ossa che sostengono i denti. A questo punto, non si avranno solamente gengive sanguinanti, ma anche formazione di tasche parodontali, formazione di pus e ascessi, instabilità dentale, e addirittura perdita di uno o più denti.

In questi casi si avranno altresì secrezioni di liquido giallo tra i denti, e ciò rappresenta davvero un brutto segno perché si sta correndo il rischio di perdere il dente.

Ovviamente, nei casi più gravi bisogna rivolgersi a uno specialista. Per evitare la malattia parodontale è necessario praticare una buona igiene orale quotidiana, un’alimentazione equilibrata, non fumare o masticare tabacco. Anche con una corretta igiene dentale, l’uso di tabacco può comunque portare a sviluppare malattia parodontale e gengiviti.

5)Disturbo Emorraggico: Una delle cause più gravi e complicate che può provocare il sanguinamento delle gengive è un disturbo emorragico come per esempio la porpora trombocitopenica idiopatica (PTI). La PTI si manifesta con sanguinamento e lividi, segni dell’incapacità del sangue di coagularsi. Le gengive e la bocca sono spesso il primo posto in cui si verificano tali problemi. Oltre al sanguinamento, si potrebbero notare anche lividi sulle gengive ed epistassi frequenti.

 

Fonte: http://www.beautyerelax.com/salute/233-gengive-insanguinate-sangue-quali-sono-le-cause-del-sanguinamento-gengivale.html#ixzz2kilh8Qex