Condividi Articolo

La prevenzione della carie dentaria attraverso l’utilizzo del fluoro è una metodica ben nota e le modalità con cui esso viene introdotto nell’organismo sono innumerevoli; se ne parla molto, ma sfortunatamente  i pazienti hanno spesso le idee poco chiare sull’argomento: cercheremo di fare un po’ di luce su questo valido alleato per la salute dentale.

A cosa serve il fluoro?

Il fluoro è un minerale che favorisce  la formazione di uno smalto dentale più resistente all’attacco degli acidi e che offre un aiuto importante nella prevenzione della carie; se assunto una volta che il dente si è formato, il fluoro ne consente la remineralizzazione e quindi lo fortifica.

Come si può assumere il fluoro?

Il fluoro si può assumere dalla gravidanza fino ai 13 anni d’età, mediante compresse o gocce reperibili in farmacia. E’ molto importante che la quantità di fluoro assunta venga concordata con l’odontoiatra e/o il pediatra per evitare di assumerne in eccesso. La somministrazione di fluoro nel bambino deve avvenire in relazione al contenuto di fluoro nell’acqua bevuta.

Esistono anche collutori e gel professionali  o domiciliari contenenti fluoro, utili per rinforzare lo smalto dentale o per combattere l’ipersensibilità al caldo e al freddo.

Che effetti ha il fluoro sul dente già formato?

Quando il dente è formato, il fluoro favorisce la remineralizzazione dello smalto già lesionato dagli acidi della placca batterica e, perticolare non trascurabile, inibisce il metabolismo dei batteri della placca: applicato sui denti dopo che lo smalto si è formato, con l’uso di dentifrici fluorati per l’igiene orale quotidiana, riduce l’incidenza di carie.

Va bene lavarsi i denti con un dentifricio al fluoro?

L’abitudine di lavarsi i denti con i dentifrici nella cui formula è contenuto il fluoro è valida in quanto questo minerale penetra gli strati più superficiali dello smalto, rendendoli più resistenti al’’attacco da parte degli acidi della placca.

In che altri modi si può assumere il fluoro?

Il fluoro si può assumere anche attraverso l’alimentazione: thè, spinaci e mele sono alcuni dei cibi ricchi di questo utile minerale, ma sfortunatamente essi apportano un quantitativo di fluoro giornaliero insufficiente per la protezione dentale.

Il vostro odontoiatra e il vostro igienista dentale possono aiutare a rinforzare lo smalto dei vostri denti attraverso l’applicazione periodica di gel ad alto contenuto di fluoro o lucidando la superficie dentale con speciali paste dentifricie fluorate: non abbiate timore di chiedere a loro qualsiasi delucidazione su questo argomento tanto importante per la vostra salute orale!

fluoroprofilassi