Condividi Articolo

Durante la corsa tutti i distretti del nostro corpo lavorano in sinergia e determinano per la qualità della prestazione.

Non è solo una questione di forza e resistenza esiste una vera e propria strategia corporea che ottimizza il gesto atletico, si chiama schema del passo. 

Questo è un meccanismo innato che compensa anche eventuali deficit di funzione del corpo (occhi, bocca, piedi) aumentando però la dispersione energetica ed influenzando il risultato. È possibile analizzare lo schema del passo e trovare delle soluzioni per il  miglioramento dello stesso che inevitabilmente conducono ad prestazione proprio identificando l’entrata disturbata,

La corsa risulterà senza carichi asimmetrici e torsioni anomale, quindi meno dispendiosa.