Condividi Articolo

Il nostro Studio ha iniziato a effettuare test di analisi salivare. Tutte le informazioni sono contenute nel pdf illustrativo. Per prenotare il tuo test, non esitare a contattarci!

Test di analisi salivare: scopriamo quindi di cosa si tratta

La saliva è uno dei liquidi corporei che offrono straordinarie possibilità nel campo della diagnosi, consentendo una definizione di patologie sistemiche e localizzate. Esistono test di analisi salivare, scientificamente provati e i cui risultati sono stati esposti in articoli medici di rilevanza internazionale, che possono essere eseguiti in maniera rapida e indolore presso i migliori studi dentistici.

Lo sviluppo della malattia parodontale (o piorrea) dipende sia dalla quantità, che dalla tipologia di batteri che si annidano sui denti e nel solco gengivale. Due test indolori e di rapida esecuzione, possono permetterci di conoscere lo stato di salute della nostra bocca e la nostra predisposizione a sviluppare la parodontite: sono il test batterico e il test genetico.

Il test parodontale batterico

Esamina quantitativamente le specie batteriche presenti nella bocca del paziente per determinare se il paziente è sano o soggetto alla malattia parodontale.

I risultati includono una valutazione della presenza delle diverse specie batteriche, fornendo un profilo utile per migliorare la diagnosi e pianificare un piano di trattamento mirato, con una terapia specifica per combattere l’infezione presente. Ripetuto in fasi successive, costituisce uno strumento valido per verificare l’efficacia del trattamento e determinare la stabilità dei risultati ottenuti.

I nostri geni possono assumere varie forme, diverse da individuo a individuo, che caratterizzano anche le nostre difese immunitarie e la risposta all’infiammazione; quindi possono influire sull’origine e sul decorso della parodontite.

Il test parodontale genetico

Questo test è utile per valutare la predisposizione individuale del paziente alla malattia. L’informazione costituisce un utile elemento per stabilire una cadenza di monitoraggio adeguata e per predisporre un piano di trattamento personalizzato.

Il prelievo di saliva è rapido e totalmente indolore per il paziente, senza l’utilizzo di aghi o altri dispositivi invasivi. Si tratta dell’assorbimento tramite un morbido cono di carta sterile di un campione di saliva presente nel solco gengivale (fluido crevicolare), che dura circa 30 secondi e viene ripetuto da un minimo di due volte a un massimo di quattro.

Il campione viene poi inviato a una struttura specializzata (LABsrl), che eseguirà le analisi. I risultati certificati verranno comunicati dal dentista, che pianificherà insieme al paziente una terapia adeguata o valuterà l’efficacia di trattamenti già in atto.

Per la valutazione del nostro stato di salute è necessario sottoporsi periodicamente a visite specialistiche e ad analisi dei fluidi corporei; il test parodontale rientra in quest’ultima categoria di azioni preventive e permette al nostro dentista di valutare in maniera efficace le nostre necessità per il mantenimento di una bocca sana e funzionale.